Concorso direttore servizi generali e amministrativi 2018: 1.700 posti

Nov 20, 2017
Concorso direttore servizi generali e amministrativi 2018: 1.700 posti

È stato approvato al Senato, all’interno del Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio, il Concorso per Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA): in via ufficiale sono quindi stati trovati i fondi per l’assunzione di 1.700 figure professionali, come riferisce la ministra Valeria Fedeli. […]

È stato approvato al Senato, all’interno del Decreto Fiscale collegato alla Legge di Bilancio, il Concorso per Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi (DSGA): in via ufficiale sono quindi stati trovati i fondi per l’assunzione di 1.700 figure professionali, come riferisce la ministra Valeria Fedeli.

Numeri più alti del previsto ma forse prevedibili, dal momento che circa il 20% delle scuole italiane non hanno un DSGA, ma le sue funzioni sono espletate da un assistente amministrativo con incarico straordinario e specifico. Le posizioni vacanti sono attualmente superiori alle 1.500 unità.

Dopo le news sul concorso INPS e sul concorso per cancellieri presso i tribunali, ancora una buona notizia per i giovani in cerca di un’occupazione nella pubblica amministrazione.

Il DSGA è la figura di più alta responsabilità all’interno della scuola dopo il dirigente scolastico. Si occupa dell’organizzazione dei servizi amministrativo-contabili formalizzandone gli atti e coordina il personale ATA; può inoltre svolgere incarichi ispettivi e di formazione nei confronti del personale. Il contratto prevede una retribuzione mensile base di 1.853,23€ cui vanno aggiunte indennità, retribuzioni accessori e anzianità, per un monte settimanale di 36 ore.

 

Bando direttori amministrativi: requisiti e prove

Per partecipare al concorso occorrerà aver conseguito laurea in giurisprudenza, economia, scienze politiche, amministrative o sociali. È prevista una deroga per gli assistenti amministrativi che abbiano maturato almeno 36 mesi di lavoro negli ultimi 8 anni come DSGA e non in possesso di laurea, ma non si sa ancora se avranno una quota di posti riservata.

Il concorso consterà di tre prove. La prima sarà pre-selettiva, verosimilmente un quiz di 100 domande a risposta chiusa.

Superata questa fase si accederà alla prima vera prova scritta, che verterà su organizzazione della Repubblica e organizzazione del sistema dell’istruzione, diritto amministrativo, contabilità di Stato e diritto pubblico.

 I candidati che saranno ammessi all’orale sosterranno un colloquio più approfondito sui temi cardine del ruolo in oggetto: decentramento amministrativo, autonomia scolastica, regolamento di contabilità, norme di sicurezza sui luoghi di lavoro, rapporti di lavoro nella scuola e legge sulla privacy. Sempre durante la prova orale verranno accertate competenze linguistiche in almeno una lingua a scelta del candidato tra inglese, francese, tedesco e spagnolo, nonché abilità informatiche di base.

 

 

Cosa ne pensi di "Concorso direttore servizi generali e amministrativi 2018: 1.700 posti"?