Crollo Prezzo Ethereum, i motivi del calo

Giu 22, 2017
By
Crollo Prezzo Ethereum, i motivi del calo

Quali sono stati i motivi che stanno dietro al crollo del prezzo dell'Ether che c'è stato in queste ultime ore?

È stata una una giornata molto impegnativa per i trader della seconda criptovaluta più grande al mondo, ovvero Ethereum, che fino a qualche giorno fa era scambiato quasi a 400$ e invece, oggi, si è ritrovato ad essere scambiato a circa 317 $. Un crollo che in molti non si sanno spiegare e che potrebbe non dipendere completamente dal fatto che la cripto è ancora giovane e deve ancora prendere piede.

Se guardiamo bene, infatti, il vice presidente del GDAX, Adam White, che è stato piazzato un ordine di vendita di milioni di dollari sull’Ether, che ha portato la valuta virtuale a scendere del 29,4%. Questo, a sua volta, ha innescato una cascata di circa 800 ordini di stop-loss e liquidazione di margini di finanziamento, che ha spedito il prezzo temporaneamente ad un ribasso ancora maggiore.

L’angolo tecnico: un ordine di stop-loss viene attivato quando la perdita raggiunge un certo valore economico, mentre la liquidazione delle posizioni avviene se la perdita è così grande da erodere il margine, tanto che le posizioni stesse sono chiuse automaticamente per evitare ulteriori perdite. La combinazione di ordini stop-loss e liquidazione dei margini ha portato ad una forte spirale discendente, seguita da un forte rimbalzo.

White ha dichiarato che GDAX ha deciso di interrompere temporaneamente la negoziazione di Ethereum in risposta al movimento dei prezzi, quindi ha ripristinato la negoziazione in conformità al “processo di inattività” dello scambio dopo che è stato confermato che tutti i sistemi funzionavano correttamente.

Lo stesso vicepresidente ha detto, ancora in seguito, che non ci sono stati problemi e che purtroppo i clienti dovranno sopportare eventuali perdite.

Ethereum ha scambiato, come detto, attorno a $ 326 nella mattinata di oggi, assestandosi poi attorno ai $ 345 in queste ore, fissando la sua quota di capitalizzazione del mercato a oltre 32.000 miliardi di dollari, dietro solo ai Bitcoin che, invece, hanno una capitalizzazione di 44.500 miliardi di dollari.

Conviene ancora investire in Ethereum?

E’ una risposta difficile da dare perché le cripto hanno dimostrato, ancora una volta, quanto possano essere volatili e difficili da “tradare”. Per i trader alle prime armi bisognerebbe andarci molto cauti, giocarsela con degli stop loss stretti e molto rigorosi. Ether rimane, nonostante tutto quello che è successo nelle ultime ore, una delle più belle scoperte di questo 2017, per cui secondo noi vale la pena tenerlo ancora in considerazione.

 

Crollo Prezzo Ethereum, i motivi del calo
5 (100%) 1 voti

Cosa ne pensi di "Crollo Prezzo Ethereum, i motivi del calo"?