Edizione di giovedì 21 giugno 2018 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Forex: la borsa americana è chiusa per l’uragano Sandy

I mercati azionari e quello delle opzioni degli Stati Uniti saranno chiusi oggi, lunedì 29 ottobre, e probabilmente anche domani, 30 ottobre, a causa dell’arrivo dell’uragano Sandy, che cresce di intensità e porta preoccupazione. E’ la prima volta in cui il mercato azionario americano è chiuso a causa di un uragano sin dall’uragano Gloria del 27 settembre 1985.

La tempesta dovrebbe arrivare sulla costa orientale degli USA nella notte tra oggi e domani, portando con sé piogge torrenziali, vento forte, gravi inondazioni e interruzioni di corrente. Questa “super tempesta” potrebbe essere la più grande che abbia mai colpito il continente americano, secondo le previsioni.

La decisione di chiudere mercati azionari e quello delle opzioni si è presa dopo che i regolatori del mercato e i commercianti hanno discusso in merito alle incognite a cui il mercato stesso sarebbe stato sottoposto nel caso in cui oggi fosse rimasto aperto.

Il mercato obbligazionario, invece, rimarrà aperta fino al mezzogiorno, per poi chiudere sempre in vista d “Sandy”.

Anche alcuni uffici bancari che si trovano nel Financial District di Manhattan sono chiusi, dato che sono siti in zone in cui è stata predisposta l’evacuazione. La maggior delle persone e i dipendenti che non hanno bisogno di sistemi ad alta velocità, tra cui alcune banche d’investimento, sono stati invitati a lavorare da casa.

Forex, previsti bassi volumi di contrattazione

Nel mercato delle valute forex sono previsti dei bassi livelli di contrattazione per tutta la giornata di oggi e presumibilmente anche per quella di domani, proprio a causa della chiusura della borsa americana. Per questo motivo in queste ore non convine fare grandi investimenti sul mercato e limitarsi al minimo necessario, nell’attesa che il peggio sarà passato, sperando che Sandy possa non lasciare dietro di sé troppi danni, e che la borsa riapra come di consueto.

Via | www.reuters.com