Milan – Fiorentina, la SINTESI

Nov 12, 2012
Milan – Fiorentina, la SINTESI

Il Milan perde 3 a 1 in casa contro la Fiorentina. La squadra di Montella è troppo forte mentre quella di Allegri non riesce mai a fare gioco.

Una grande Fiorentina batte il Milan per 3-1 e ferma così i sogni di rimonta dei rossoneri. La squadra di Montella sbanca San Siro con un’altra prova degna di nota dimostrando di esser pronta, finalmente, al grande salto di qualità. Per la sfida contro i toscani, Allegri sceglie di far accomodare in panchina Bojan e rilancia dal primo minuto Boateng. In avanti tocca a Pato, che prova a sbloccarsi in campionato dopo esserci riuscito in Champions League nella sfida contro il Malaga, pareggiata 1 a 1 dai rossoneri.

La Fiorentina parte forte ed al 10’ è già in vantaggio grazie al goal dell’ex, siglato da Aquilani. Per il centrocampista viola il sigillo rappresenta una sorta di rivincita nei confronti dei rossoneri che non hanno voluto riscattarlo al termine della scorsa stagione. Il Milan prova a reagire ed al 34’ ottiene un calcio di rigore per fallo in area di Roncaglia su Pato. È lo stesso brasiliano a presentarsi sul dischetto ma a fallire miseramente la trasformazione del penalty. Il suo tiro finisce malamente alle stelle. Come si dice spesso nel calcio, goal sbagliato, goal subito, infatti dopo un’azione personale, Borja Valero vince un contrasto con Mexes e sigla il raddoppio per i gigliati.

Il primo tempo si chiude così sullo 0-2. Nella ripresa Allegri cerca di correre ai ripari e fa entrare Bojan e Pazzini al posto di Pato ed Emanuelson. È proprio il centravanti italiano ad accorciare le distanze sfruttando la respinta del palo sul colpo di tacco di Mexes. Il Milan prova a pareggiare ma è ancora la Fiorentina a colpire di rimessa con un gran goal del nuovo entrato El Hamdaoui. Finisce così con i viola in trionfo ed il Milan che rimpiomba nella crisi.

Vota questo articolo!

Cosa ne pensi di "Milan – Fiorentina, la SINTESI"?