Come riconoscere l’età genetica

Gen 8, 2013
Come riconoscere l’età genetica

Stabilire il reale stato di invecchiamento delle cellule di una persona è possibile, questo emerge da una ricerca condotta da alcuni scienziati inglesi

eta-genetica

Siete sicuri di avere geneticamente la stessa età anagrafica? La domanda sembra piuttosto legittima se si pensa che si possa essere vecchi, anche se si è giovani e giovani anche se si è vecchi. Sembra strano eppure è così. Uno studio che arriva direttamente dalla Gran Bretagna, ha portato alla luce la possibilità di stabilire, attraverso le analisi del sangue, il reale stato di invecchiamento delle cellule di un individuo.

La ricerca è stata condotta da alcuni scienziati inglesi che, basandosi su un particolare esame del sangue che prevede l’analisi dei telomeri, ha portato a questa importante scoperta. Il telomero è la regione finale del cromosoma formato da Dna altamente ripetuto. I telomeri sono stati portati all’attenzione degli scienziati quando si è cominciato ad associarli al processo di invecchiamento. Lo studio in questione ha affermato che, il telomero ha l’importante funzione di evitare la perdita di informazioni durante la duplicazione dei cromosomi; questo perché la Dna polimerasi non è in grado di duplicare il cromosoma fino alla sua terminazione.

Se non ci fossero i telomeri, durante ogni processo di duplicazione si andrebbe incontro ad una significativa perdita di informazioni genetiche. Lo studio ha poi confermato che il progressivo accorciamento dei telomeri ad ogni ciclo duplicativo sia automaticamente associato all’invecchiamento cellulare. I telomeri sarebbero, quindi, il nostro orologio biologico, essenziale per la continua riproduzione delle cellule.

Cosa ne pensi di "Come riconoscere l’età genetica"?