Risparmiare senza troppo stress? C’è il conto deposito

Mag 8, 2018
Risparmiare senza troppo stress? C’è il conto deposito

In un’era di incertezza economica come quella che stiamo vivendo, risparmiare diventa la parola d’ordine. E se i rincari sulle bollette del 2018 non fanno ben sperare in tal senso e il reddito di cittadinanza tarda ad arrivare, allora il risparmiatore deve trovare di propria […]

In un’era di incertezza economica come quella che stiamo vivendo, risparmiare diventa la parola d’ordine. E se i rincari sulle bollette del 2018 non fanno ben sperare in tal senso e il reddito di cittadinanza tarda ad arrivare, allora il risparmiatore deve trovare di propria sponte un modo per far fruttare i propri soldi senza troppo stress.

Pensare di farlo limitandosi ad aprire un conto in banca è mera utopia, e allora ecco che un prodotto abbastanza noto ma non ancora del tutto sdoganato può essere la soluzione ideale per chi oltre a mettere da parte qualcosa, vuole anche far fruttare i propri risparmi senza correre alcun rischio.

Un conto corrente senza “optional”

Si tratta del conto deposito, una sorta di conto corrente con il quale è possibile effettuare solo prelevamenti e versamenti. La fortuna di questa formula sta proprio nella sua semplicità: un conto deposito non darà diritto a poter contare – ad esempio – sul libretto degli assegni, la carta di credito o sulle operazioni di home banking, ma d’inverso garantisce un tasso di interesse calcolato su base giornaliera e versato a cadenza mensile, semestrale oppure annuale,che si aggira dall’1 all’1,30% sul totale depositato.

Di conto deposito esistono tre formule: quella libera, quella vincolata e quella mista. Nel primo caso, il risparmiatore può ritirare il totale del fondo quando lo preferisce, ma se non lo farà avrà diritto a un tasso di interesse comunque inferiore rispetto a quello della formula vincolata. Di converso, la linea vincolata richiede che il denaro non venga toccato per un determinato periodo di tempo: tanto più sarà lungo questo tempo e tanto maggiore sarà la somma depositata, tanto maggiori saranno gli interessi.

La formula mista, infine, permette di avere una parte della somma investita sempre a disposizione, mentre un’altra parte non sarà riscuotibile fino alla fine del contratto di vincolo: in questo caso gli interessi saranno proporzionali alla percentuale di soldi vincolati rispetto a quella di soldi non vincolati.

Le soluzioni non mancano, e una rapida ricerca in rete saprà dare a ogni specifico risparmiatore le risposte che cerca riguardo il conto deposito più adatto alle sue esigenze e disponibilità economiche.

Cosa ne pensi di "Risparmiare senza troppo stress? C’è il conto deposito"?