Edizione di sabato 21 luglio 2018 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Serie A: sono in tanti gli allenatori in bilico

Dopo le prime dieci giornate di campionato (ieri si sono giocati i primi due anticipi dell’undicesima giornata, Milan – Chievo e Juventus – Inter) ed alcuni cambi in panchina già effettuati, sono ancora tante le posizioni in bilico tra gli allenatori della nostra serie A. Quello che attualmente rischia di più è sicuramente Stroppa, tecnico del Pescara. La formazione abruzzese, neopromossa nella massima categoria, non sta attraversando un buon momento di forma e la sconfitta in casa del Chievo non ha fatto che aggravare la situazione. Stroppa si ritrova a gestire una formazione giovane a cui quest’estate sono stati tolti i pilastri della promozione ovvero Immobile, Insigne e Verratti.

Senza questi tre baby-prodigio il livello tecnico della squadra è notevolmente sceso ed i risultati lo stanno a dimostrare. Non se la passa meglio a Genova Ciro Ferrara. La sua Sampdoria è reduce dalla quinta sconfitta consecutiva in campionato e sembra la lontana parente della bella compagine ammirata le prime giornate di serie A. Situazioni particolari vivono poi Allegri al Milan (anche se ad onor del vero dopo il 5 a 1 rifilato al Chievo il tecnico puà dormire sonni più tranquilli) e Zeman alla Roma.

In questo caso sia i dirigenti rossoneri che quelli giallorossi non vorrebbero effettuare dei ribaltoni alla guida tecnica ma i risultati disastrosi di entrambi i team stanno facendo riflettere. Il Milan con il Palermo è riuscito ad agguantare un prezioso pareggio ma ha mostrato ancora una volta i suoi limiti di gioco. Diversa invece la partita contro il Chievo, vinta per 5 a 1, che ha sollevato il morale al team e ad Allegri, La Roma, dopo la sconfitta di domenica con l’Udinese, è incappata in un altro KO con il Parma ed anche questa volta dopo essere passata in vantaggio. I tifosi giallorossi amano Zeman ma si sa che nel calcio contano i risultati.