Stress da lavoro per 9milioni di italiani: il 70% sono donne

Stress da lavoro per 9milioni di italiani: il 70% sono donne

Tra chi è costretto a trascorrere la notte in ufficio davanti a un computer, chi deve fare gli straordinari, chi ha pochi giorni per consegnare un progetto e chi deve, come le donne,  dividersi senza sosta tra carriera e famiglia, sono arrivati a quota 9milioni […]

9 milioni di italiani soffrono di stress da lavoroTra chi è costretto a trascorrere la notte in ufficio davanti a un computer, chi deve fare gli straordinari, chi ha pochi giorni per consegnare un progetto e chi deve, come le donne,  dividersi senza sosta tra carriera e famiglia, sono arrivati a quota 9milioni gli italiani malati di stress da lavoro e il 40% di questi sono donne.  A tracciare il quadro della salute psichica dei lavoratori italiani lo psichiatra Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Neuroscienze dell’Azienda ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico di Milano il quale insiste sulla  “scarsa attenzione da parte delle aziende alla salute psichica dei lavoratori, e soprattutto a quella delle dipendenti donna; il genere femminile e’ piu’ esposto allo stress da lavoro a causa delle forti pressioni lavorative, delle barriere culturali che rendono la carriera manageriale piu’ difficile, delle remunerazioni piu’ basse, dei rapporti con i colleghi e della necessità di gestire la famiglia”. 

A causa dello stress da lavoro che si manifesta con sintomi d’ansia, insonnia, malesseri come mal di schiena e problemi intestinali “piano piano – spiega Mencacci – si perde la capacità di saper rispondere alle richieste che arrivano dall’ambiente circostante e ci si sente sempre più marginale, inerme, passiva, fino all’emarginazione. Il risultato è che abbiamo perso un lavoratore, ma anche una persona. E soprattutto nel caso della donna – la cui identità e autostima sono ormai legate al lavoro e non solo all’immagine tradizionale di moglie, madre e custode della casa – a pagare il prezzo di questa perdita è anche la famiglia“.

Il risultato tangibile di tutto ciò è che oggi 9 donne su 10 soffrono di disagi psichici e disturbi dell’umore: su tutti l’ansia (45%), seguita da sindrome pre-mestruale (43%), irritabilità ed eccessiva tendenza al pianto (41%), insonnia (39%) e depressione (20%).  Difficile affrontare il lavoro in queste condizioni soprattutto per le donne giovani alle prese con le alterazioni ormonali nelle diverse fasi riproduttive (gravidanza, puerperio), e per quelle che lavorano a contatto con il pubblico: entrambe le categorie sono più vulnerabili agli stati d’ansia e in percentuali minori a sindromi depressive, che sono invece più tipiche dell’uomo adulto con mansioni esecutive. Anche se per legge le aziende sono obbligate a misurare lo stress a cui sono sottoposti i dipendenti, oggi questo aspetto è trascurato. Solo il 20% delle aziende ha preso iniziative in risposta a questo decreto legislativo presente già dal 2010. “C’è ancora moltissimo da fare – avverte lo psichiatra – anche perché non si può sottovalutare il fatto che i disturbi psichici sono in aumento

Vota questo articolo!

Cosa ne pensi di "Stress da lavoro per 9milioni di italiani: il 70% sono donne"?