Edizione di lunedì 10 dicembre 2018 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Vaccino per l’Epatite C, un altro stadio è stato completato

La britannica GlaxoSmithKline ha completato con successo un nuovo stadio dello studio che dovrebbe portare alla realizzazione di un vaccino per l’epatite C. Al giorno di oggi questa malattia è l’unica trasmissibile per la quale ancora non si ha un vaccino, ma forse questo tempo potrebbe presto finire. Si sa che il virus dell’epatite C si trasmette con il contatto con del sangue infetto, oppure dalla madre al feto. Anche se in maniera più rara, questo virus potrebbe essere trasmesso per via sessuale.

La prima fase del test per il vaccino è stata fatta su un gruppo di 15 persone volontarie, alle quali è stato iniettato un primo vaccino per forzare il corpo a rispondere al virus dell’epatite C. In maniera particolare il vaccino va ad agire sulle cellule “T”, che sono le principali impegnate nella ltta contro virus come quello dell’epatite C.

Due mesi dopo questa prima somministrazione, alle stesse persone ne è stata data una seconda modificata con una combinazione del medesimo vaccino somministrato la prima volta con del MVA (Modified Vaccina Ankara).

Fino ad oggi la risposta delle persone a cui è stato somministrato questo vaccino sperimentale è stata positiva, tanto che si può già pensare più concretamente ad un virus per l’epatite C. Considerando che questo virus è in grado di portare alla cirrosi del fegato, alla sua completa disfunzionalità e al cancro in sede, questo vaccino è davvero atteso e potrebbe dare un vero “boost” all’aspettative di vita dei malati di epatite C.

Via www.designntrend.com e www.utahpeoplespost.com