Edizione di mercoledì 1 Febbraio 2023 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Manutenzione e sicurezza e ascensori: ogni quanto intervenire

ascensore

Quando si parla di sicurezza, in qualsiasi ambito, è necessario prestare sempre la massima attenzione a tutto quello che è previsto dalla normativa italiana attualmente in vigore. Nel momento in cui, poi, si fa riferimento agli ascensori, è chiaro che serve un livello di attenzione ancora maggiore, proprio per via della frequenza con cui giornalmente questo tipo di impianti vengono sfruttati.

La manutenzione degli ascensori deve avvenire rispettando una cadenza periodica: non stiamo facendo riferimento unicamente alle visite che hanno carattere preventivo, ma anche a quelle di natura tipicamente conservativa. Si tratta dell’unico sistema utile per poter effettivamente trasmettere adeguate garanzie a tutte quelle persone che, ogni giorno, sono solite usare l’impianto. È chiaro che seguire fedelmente tutte le regole in tema di sicurezza e di manutenzione degli ascensori, permette molto facilmente di conservare questi impianti perfettamente funzionanti per molto più tempo.

Le varie tipologie di manutenzione

Prima di scegliere e affidarsi a una ditta affidabile ed esperta, come ad esempio Impianto Sicuro, a cui fare riferimento, è chiaro che serve avere le idee ben chiare su tutto quello che riguarda le varie attività di manutenzione. Prima di tutto, è bene mettere in evidenza come, quando si parla di manutenzione, siano sostanzialmente due le tipologie di interventi da prendere in considerazione.

È proprio la normativa attualmente in vigore a prevedere due diverse tipologie di attività di manutenzione. In primo luogo, troviamo le visite di manutenzione preventiva. In questo caso, si tratta di una serie di interventi che devono essere oggetto di apposita programmazione, che deve essere fatta in relazione a quelle che sono le principali necessità dell’impianto.

Di solito, in ogni caso, una visita di manutenzione di carattere preventivo ha come fine primario quello di effettuare la pulizia e la lubrificazione di tutti i componenti di maggiore importanza nell’ascensore. Qualche esempio? Più nello specifico si fa riferimento alle funi, piuttosto che alle porte dei piani, ma anche alle serrature. È chiaro che l’obiettivo è quello di controllare che tutti questi elementi funzionino in modo impeccabile e garantiscono il miglior coordinamento possibile nel loro complesso.

Le visite di manutenzione periodica

Insieme alle visite di manutenzione preventiva, ci sono quelle, invece, di manutenzione periodica, che sono legate a un’esigenza completamente differente. In questo secondo caso, infatti, si tratta molto semplicemente di verificare che gli elementi più importanti di un ascensore sia sempre integri e che l’efficienza nel suo complesso dell’impianto non venga mai mancare.

Nel caso delle visite di manutenzione periodica, la ditta o i tecnici specializzati che si occupano della manutenzione periodica, devono controllare che tutti i vari meccanismi e i principali componenti che risultano essere fondamentali per la sicurezza dell’intero impianto, sia efficienti e, al tempo stesso, anche del tutto integri.

Gli interventi di manutenzione periodica hanno carattere di necessità. In caso contrario, qualora non dovessero essere programmati sufficienti adempimenti in tal senso, è chiaro che a risentirne sarebbe la sicurezza dell’impianto di ascensione e, di conseguenza, anche quella di chi usa abitualmente l’ascensore. Di conseguenza, è sempre importante rispettare quanto è previsto dalla normativa attualmente in vigore. Infatti, secondo la legge, si deve rispettare una frequenza minima per lo svolgimento dell’attività di manutenzione periodica pari a una volta ogni sei mesi.

Con le attività di manutenzione periodica, quindi, si può capire in che stato si sono conservate le funi, così come se i circuiti sono isolati ancora a dovere. Molto importante mettere in evidenza anche come sia necessario controllare e verificare sempre con grande attenzione lo stato di conservazione dei vari dispositivi di blocco e di chiusura. Il discorso si può tranquillamente allargare anche al paracadute e al limitatore di velocità, che devono assicurare sempre un funzionamento impeccabile.