Edizione di martedì 23 ottobre 2018 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Smartphone-mania: italiani malati di hi-tec, raggiunti i 20 milioni

la smartphone-mania contagia sempre più italiani, per il momento siamo a 20 milioni

la smartphone-mania contagia sempre più italiani, per il momento siamo a 20 milioniGli smartphone in Italia sono una vera e propria mania, sono stati venduti fino a questo momento circa 20 milioni di unità, un numero incredibile rivelato dall’ipsos, il quale rende disponibili altri dati interessanti collegati a stretto contatto con la tendenza del popolo nazionale a utilizzare lo smartphone o qualsiasi prodotto hi-tec in mobile. Dai dati raccolti è emerso che il numero di smartphone venduti è salito del 52% quest’anno, dato che fa capire quanto sia importante per gli italiani possedere un prodotto capace di svolgere più funzioni, rendendo la funzione telefonica quasi un plus rispetto ad altri servizi offerti.

A rafforzare questa teoria, trasformandola in un dato di fatto, c’è il secondo dato reso noto, ossia l’incremento del 224% riguardo le ricerche su rete mobile, questo vuol dire che sempre più utenti si affidano ad internet anche quando non sono a casa, restando sempre connessi per avere informazioni a portata di mano in qualsiasi situazione e per qualsiasi emergenza. Ultimo dato rilevante raccolto è incentrato sugli acquisti effettuati sullo store di cui ogni smartphone è dotato, dove è possibile acquistare musica, film, programmi, applicazioni e tanto altro. In questo caso iò 23% degli utenti che possiede uno smartphone ha già effettuato almeno un acquisto nel market, questo conferma in pieno la smartphone-mania italiana una volta per tutte. Possiamo ben capire come gli smartphone e l’utilizzo della rete in mobilità stia condizionando la nostra vita entrando a far parte delle nostre azioni quotidiane in quantità sempre maggiore. Unico monito che diamo agli utenti è quello di non esagerare o creare dipendenza da questi prodotti e servizi, poichè a pagarne le spese saremmo noi in prima persona.