Edizione di mercoledì 1 Febbraio 2023 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

5 buoni motivi per diventare programmatore

programmatore

In un mondo in continuo mutamento, nel quale la tecnologia sembra rivestire un ruolo chiave, l’acquisizione di determinate competenze diventa quindi un dato imprescindibile.
Quella del programmatore informatico, ad esempio, è una delle figure più richieste dalle aziende. Il corso per programmatore Java su bitCamp ha proprio questa duplice finalità: quella di formare profili altamente specializzati e proporli poi alle principali aziende del settore, colmando finalmente questo gap creatosi nel mercato del lavoro, dove l’offerta di lavoro supera di gran lunga la domanda. Scopriamo insieme 5 buoni motivi per diventare programmatore.

Alta richiesta nel mercato del lavoro
Data la premessa iniziale, il primo motivo non può che essere questo: un’alta richiesta da parte del mercato del lavoro. Infatti, sono tante e sempre più numerose le aziende che sentono il bisogno di rinnovarsi e di farlo con figure specifiche. L’alta richiesta riguarda programmatori di ogni tipo: Front-End Developer, Back-End Developer, Full-Stack Developer, in grado di sviluppare applicazioni per cellulare o siti web.

Prima di intraprendere questa strada, bisogna dunque iniziare a far pratica con i principali linguaggi di programmazione e prendere dimestichezza con il codice, diventando abili esperti nell’utilizzo di linguaggi come Java, JavaScript e chi ne ha più ne metta. Ad oggi, con l’utilizzo che facciamo di smartphone, tablet e computer, non è difficile rendersi conto di quanto questa sia una figura così importante.

Stipendio fisso e ottimo guadagno

Il secondo aspetto da non sottovalutare è sicuramente quello economico. Un programmatore, infatti, può guadagnare sia attraverso uno stipendio fisso erogato da un’azienda, che come consulente o libero professionista, collaborando con più realtà e lavorando su più progetti, così da attingere a più fonti di guadagno. Ma quanto guadagna un programmatore in Italia?

Lo stipendio medio per programmatore in Italia è di circa € 32.000 all’anno.
Le posizioni “entry level” percepiscono uno stipendio di € 25.000 all’anno, mentre i lavoratori con più esperienza possono raggiungere anche cifre stratosferiche, arrivando a guadagnare uno stipendio che varia tra i € 55.000 e € 65.000 lordi all’anno. Cifre considerevoli che, in un momento storico come questo, sono difficili da vedere in altri settori.

Comodità di lavorare ovunque

Come tutti i lavori digitali, anche quello del programmatore può essere svolto comodamente da casa propria o da qualsiasi altro luogo. La tecnologia ha infatti posto fine a determinati vincoli, come il tempo e lo spazio, accrescendo sempre più la possibilità di essere smart. Il “qui e ora” non è più un’utopia, ma un concetto da estendere anche all’ambito lavorativo.

Possibilità di continuare ad imparare e aggiornarsi

Un programmatore non smetterà mai di imparare, ma dovrà tenersi continuamente aggiornato per essere al passo con tendenze, fluttuazioni e innovazioni tecnologiche del mercato, al fine di migliorare e accrescere specifiche competenze, non solo tecniche ma anche trasversali.
In poche parole, un programmatore non sarà mai annoiato, a differenza di quanto accade nei lavori di tipo tradizionale. Nuovi stimoli, curiosità, passione e sete di conoscenza sono senz’altro la chiave per poter intraprendere una carriera brillante in questo settore.

Possibilità di stringere rapporti duraturi

L’ultimo motivo riguarda la sfera personale. Attraverso questo lavoro, infatti, il programmatore avrà la possibilità di fare nuove amicizie, interagire con altri professionisti del settore e lavorare per grandi aziende, dove potrà acquisire stima e riconoscenza. Lo sviluppo di determinate soft skill è quindi fondamentale per la propria crescita professionale: empatia, comunicazione efficace, lavoro di squadra, pazienza, problem solving, gestione e ottimizzazione del tempo, creatività e flessibilità mentale sono soltanto alcune di queste.

Diventare programmatore si rivela essere a tutti gli effetti una scelta vincente, soprattutto quando si ha la possibilità di concretizzarla in sole 8 settimane di corso intensivo.

Non aspettare: sii il Developer che stiamo cercando!