Edizione di lunedì 11 Novembre 2019 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

I migliori analgesici naturali

Quando si parla di controllo del dolore, è possibile chiamare in causa numerosi farmaci. Prima di assumerli, è ovviamente essenziale contattare il proprio medico curante. Da non dimenticare è però la possibilità di ricorrere ad alcuni rimedi naturali.

Quali sono questi analgesici naturali? Nelle prossime righe, elenchiamo alcuni tra i più importanti ed efficaci.

Zenzero

Iniziamo parlando dello zenzero, la cui assunzione rappresenta un ottimo punto di riferimento per chi vuole combattere in maniera naturale problematiche come i crampi e il mal di gola. Da non dimenticare è anche l sua efficacia relativa al controllo dei dolori a livello gastrico.

CBD

Il CBD, conosciuto anche come cannabidiolo, è uno dei principi attivi della cannabis sativa. Viene considerato una sorta di opposto del THC. Il principale motivo riguarda il fatto che non provoca effetti psicoattivi. Fondamentale è ricordare che non si tratta di una sostanza stupefacente.

A fugare qualsiasi dubbio in merito ci ha pensato nel 2017 l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), che ha pubblicato un documento in cui vengono analizzate nel dettaglio le sue proprietà benefiche. Tra queste è possibile ricordare l’effetto analgesico.

Come ben si sa, il CBD può essere acquistato senza problemi nel nostro Paese. Chi vuole provarlo, può cercare un growshop nella propria città. Ricordiamo anche la possibilità di comprarlo online. Sul web esistono infatti numerosi e-shop che vendono cannabis light legale in Italia.

Artiglio del diavolo

Pianta che cresce spontaneamente soprattutto in Africa meridionale, l’artiglio del diavolo si contraddistingue per la presenza di radici tuberiformi. Queste ultime, a loro volta, sono note per la loro ricchezza di principi attivi dall’effetto antidolorifico e antinfiammatorio. In questo novero è possibile includere i fitosteroli, ma anche l’arpagoside.

Per quanto riguarda le indicazioni, ricordiamo che l’artiglio del diavolo si rivela particolarmente efficace quando si tratta di attenuare il fastidio del mal di schiena. Questo analgesico naturale è utile anche contro i dolori alla cervicale e il torcicollo.

Curcuma

Quando si parla della curcuma, è necessario chiamare in causa la curcumina, un analgesico naturale molto potente. La sua assunzione può rivelarsi molto utile in caso di dolore frutto dell’artrite e dei reumatismi.

Boswellia

Proseguendo con l’elenco dei migliori analgesici naturali, è impossibile non ricordare la boswellia. La sua corteccia viene lavorata per estrarre una resina speciale. Da essa si ricava un portentoso olio essenziale ricco di acidi benefici per la salute.

Si tratta di principi attivi molto importanti soprattutto per un motivo. La loro azione è in grado di interferire con quella dell’enzima 5-lipossigenasi, uno dei principali responsabili dei processi infiammatori (e del conseguente dolore da essi provocato).

L’utilizzo della Boswellia come analgesico naturale è indicato in caso di episodi di dolore articolare, ma anche quando si ha a che fare con borsiti e artriti. Da non dimenticare è anche la sua efficacia contro i dolori della fibromialgia. Si può trovare in commercio sotto forma di estratto secco sia in capsule, sia in compresse. Ricordiamo inoltre la possibilità di acquistarla sotto forma di tintura madre.

Aglio e cipolla

Tra i punti di riferimento più importanti quando si parla di analgesici naturali troviamo anche l’aglio e la cipolla. Il primo è anche un ottimo antinfiammatorio efficace soprattutto quando si ha a che fare con affezioni delle vie respiratorie.

La cipolla è invece particolarmente consigliata nei casi in cui è necessario lenire in maniera naturale il dolore a carico del cavo orale. In situazioni del genere, soprattutto in casi di irritazione delle gengive, sono ottimi pure i chiodi di garofano.

Concludiamo ribadendo che questi rimedi non sostituiscono in alcun modo l’utilizzo dei farmaci. Prima di iniziare ad assumerli è opportuno parlare con il proprio medico di fiducia.