Edizione di lunedì 25 giugno 2018 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Cumulo Pensione: si alla pensione anticipata anche per il contributivo

Novità in arrivo dall’INPS: sembra, infatti, che i lavoratori potranno utilizzare il cumulo contributivo per poter avere la pensione anticipata a 63 anni e 7 mesi, anche se non in possesso della necessaria anzianità contributiva alla data del 31 dicembre 1995.

Attenzione però: questa novità si riferisce solo ai lavoratori che ricadono all’interno del sistema contributivo puro, non a coloro che si trovano all’interno del sistema misto/retributivo (per il quale è attesa la piena attuazione).

Chi può usufruire della facoltà di cumulo

La facoltà di cumulo interessa i lavoratori che sono soggetti al regime “contributivo” delle pensioni e sono assicurati presso più gestioni Inps (la AGO, la Fondi sostitutivi, esclusivi e la gestione separata). Oltre ad essi, il cumulo interessa anche ai lavoratori che hanno optato per la pensione contributiva ed i liberi professionisti, ma solo per i periodi in cui sono stati iscritti alle casse previste dal dlgs 103/1996 e dal dlgs 509/1994.

Si rivolge a tutti i lavoratori che, alla data del 31 dicembre 1995, non avevano ancora i requisiti per la pensione di vecchiaia, per cui valgono ancora i requisiti previsti dall’allora Legge Fornero:

  • la pensione di vecchiaia si può avere a 66 anni e 7 mesi + 20 anni di contributi, ma solo se la pensione non è minore dell’importo dell’assegno sociale per 1,5 volte
  • la pensione si può raggiungere a 70 anni e 7 mesi + 5 anni di contribuzione effettiva
  • la pensione anticipata si può ottenere a 42 anni e 10 mesi di contributi (per le donne: 41 anni e 10 mesi) senza considerare l’età anagrafica, oppure a 63 anni e 7 mesi + 20 anni di contributi effettivi se l’importo della pensione non è inferiore rispetto all’importo dell’assegno sociale di 2,8 volte.

Cosa si può fare con il cumulo

Il cumulo permette di sommare tutti i periodi assicurativi che sono presenti nelle gestioni indicate ma che non coincidono temporalmente, con lo scopo di aumentare la prestazione pensionistica. In pratica, si può usare il cumulo per fare domanda di:

  • pensione di vecchiaia
  • pensione anticipata
  • pensione di inabilità
  • pensione indiretta

NON si può usare, invece, per ottenere l’assegno di invalidità ordinario.