Edizione di mercoledì 23 Ottobre 2019 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Curare il giardino: quali sono gli strumenti indispensabili?

Curare il giardino

La cura del giardino è, da sempre, una peculiarità per ogni italiano che si rispetti, o perlomeno per i fortunati che ne posseggono uno. Esso, spesso, rappresenta uno straordinario biglietto da visita dell’intero nucleo abitativo, in grado di valorizzarlo se adeguatamente curato. Per rendere il proprio angolo verde uno splendore, di conseguenza, è necessario disporre di strumenti adeguati e di ottima qualità. Preferendo quelli che, grazie ad una frequente e semplice manutenzione, possano risultare durevoli, evitando di ricorrere ad un eccessivo esborso economico per la sostituzione periodica degli stessi. Accedere al negozio di attrezzi per giardinaggio ferramenta24h.it, può risultare uno straordinario supporto per trovare, e scegliere, gli strumenti migliori per la cura del proprio angolo verde. Ai prezzi più bassi della rete.

Il tosaerba, strumento di rilevante importanza nella cura del giardino

Uno degli strumenti indispensabili per la cura del proprio giardino, specie in presenza di potature non irrilevanti, è la sega. In commercio se ne trovano di diversi tipi. E spesso, il loro prezzo varia in base alla qualità delle lame. E’ fondamentale, in tal senso, fare un’adeguata valutazione del rapporto “qualità/costo”. La lama, come noto, riveste carattere prioritario: piuttosto che accontentarsi di una dall’infima qualità, è meglio allentare leggermente i cordoni del portafoglio e garantirsi una sega dotata di una lama durevole; la maggior spesa, infatti, verrà compensata da un maggior utilizzo dello strumento, che, viceversa, potrebbe essere sostituto con frequenza assidua, comportando un maggior esborso economico nel medio-lungo periodo.

Nella cura del giardino, però, un ruolo di fondamentale importanza viene svolto dal rasaerba, strumento indispensabile per mantenere esteticamente perfetto l’angolo verde della propria dimora. Sul mercato sono presenti diverse tipologie e modelli, anche se si possono dividere in due grandi categorie: tagliaerba elettrici e tagliaerba a motore; gli elettrici funzionano se collegati ad un impianto elettrico, mentre quelli a motore vengono alimentati tramite la benzina o combustibili similari. Esistono, poi, altre due tipologie che, per motivi letteralmente diversi fra loro, vengono definite di nicchia: rasaerba robotizzati e rasaerba manuali. I primi sono estremamente moderni, ma al tempo stesso costosi e, quindi, attualmente poco diffusi, mentre i secondi risultano ormai antiquati anche se talvolta funzionali per giardini di dimensioni estremamente ridotte.

Irrigare, elemento cardine per garantirsi un giardino esteticamente gradevole

Un altro aspetto assai importante riguarda l’irrigazione, elemento imprescindibile per mantenere un giardino dall’aspetto gradevole e sano. La metodologia di irrigazione più famosa è quella umettante, atta ad apportare l’acqua al terreno con il fine di inumidirlo. In base a fattori ambientali come clima e latitudine, la tecnica umettante può essere di tre diverse tipologie: necessaria, adottata nei climi aridi dov’è di vitale importanza apportare l’acqua; ausiliaria, adottata per quelle zone dove l’apporto d’acqua favorisce, seppur non risultando fondamentale, la coltivazione in termini qualitativi e quantitativi eccelsi; straordinaria, effettuate nei casi di fenomeni di eccezionale aridità, come talvolta capita nelle zone meridionali del nostro paese. Scegliere un lancia irrorazione di ottima fattura, che rispecchi appieno le nostre necessità, riveste quindi carattere di prioritaria rilevanza.

Per chi disponesse, poi, di un giardino importante, sia in termini dimensionali che prestigiosi, è caldamente consigliato l’acquisto di un trattorino a scoppio. Questo strumento ha certamente una marcia in più rispetto ad un classico tosaerba, complice una componente meccanica che è in grado di garantire un meccanismo di taglio sempre rapido ed efficiente. Il suo funzionamento è abbastanza agevole: basta rifornirsi del carburante per metterlo in moto e salirci. Per il cambio delle marce di avanzamento è issata un’apposita leva, che ricorda totalmente quella presente in qualunque automobile di uso comune. E come per le autovetture di larga diffusione, anche i trattorini a  scoppio possono essere acquistati, sopportando – ovviamente – un esborso economico maggiore, con il cambio automatico, che li rende ancor più semplici e comodi da utilizzare.