Edizione di domenica 20 Giugno 2021 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Il pane nel mondo: un’ispirazione per fare il nostro pane fatto in casa

pane

La pandemia è stato uno dei momenti più duri per la storia del nostro paese, ma durante questa fase storica si sono registrati anche una serie di eventi e trend a dir poco peculiari. Uno di questi è stato il riscoprire i valori delle pietanze fatte in casa, a cominciare dalla panetteria.

Sono state veramente tante le persone che si sono cimentate nello sfornare pane e pizze dal forno di casa propria durante i lunghi periodi costretti in casa, così tante che durante la prima ondata pandemica. Il fenomeno arrivò  a toccare picchi tali da risultare tragicomici se si pensa che nei supermercati il lievito madre e la farina divennero praticamente introvabile, in quanto prodotti utili per fare il pane in casa.

Ebbene, ormai ci siamo lasciati alle spalle quel triste periodo ed è possibile reperire facilmente tutto ciò che ci serve per poter sfornare prelibate pagnotte dal forno di casa nostra: basterà avere tanta dedizione e pazienza.

Se però quasi tutti hanno provato questa o quell’altra ricetta regionale per il proprio pane (in quanti hanno provato a fare il pane d’Altamura in casa?), molti sono alla ricerca di gusti peculiari e unici provenienti dall’estero.

Oggi andremo quindi  ad analizzare alcune tra le tipologie di pane più apprezzate in tutto il mondo e che saranno di ispirazione per ulteriori ricette future da portare sulle vostre tavole. Per ulteriori approfondimenti, visitate il sito NewsMag24.

Tipologie di pane nel resto del mondo

Oltre alle famose varianti regionali ormai famose in tutta Italia (e non solo), esistono anche tanti italiani che hanno deciso di dedicarsi allo sfornare prodotti di panetteria d’oltreconfine. Tra i più importanti ricordiamo:

  • Pretzel (Paesi germanici e Sud-Tirolo): famosi in tutti quei paesi toccati dalla cultura germanica, i bretzel o pretzel sono un pane di origine alsaziana di colore ambrato e dalla caratteristica forma annodata sempre cosparsi di sale. Esistono sia dolci che salate e i suoi ingredienti principali prevedono farina di grano tenero, malto, lievito di birra, acqua e bicarbonato di sodio.
  • Baguette (Francia): ha una forma caratteristica allungata che arriva a toccare i circa 65 cm, una larghezza che va dai 5 ai 6 cm e un’altezza di quasi 4 cm. Questa tipologia di pane è arrivata ad essere uno dei simboli per eccellenza della Francia nell’immaginario collettivo comune. Questo pane è talmente importante nl paese che le stesse leggi francesi hanno decretato che si possono definire “pane della tradizione francese” solo quei prodotti contenenti esclusivamente acqua, farina, lievito (di birra o pasta madre) e il sale.
  • Pita (Medio-Oriente, Area Mediterranea,): è un pane piatto lievitato di forma rotonda a base di farina di grano. Tradizionale della cucina del Medio Oriente e di diverse aree del Mediterraneo, viene utilizzato principalmente per raccogliere sughi o per avvolgere pietanze come gyros e kebab.
  • Pan de payés (Spagna): questa tipologia di pane è tipica della Catalogna e viene elaborata in maniera artigianale con una cottura su pietra refrattaria in un forno. L’impasto prevede farina, acqua e lievito e la sua forma è di tipo rotonda. Sono previste forme da 250g, 500g o 2kg.
  • Bauernbrot (Svizzera): conosciuto anche come “Pane dei fattori”, è un pane tipico dei cantoni svizzeri ma reperibile anche in Germania,è famoso per contenere anche il latte tra i suoi ingredienti. Viene preparato mescolando latte, farine di segale e di frumento, acqua, sale e lievito nell’impasto, per poi donargli la tipica forma circolare. Poi, a distanza di 70.90 minuti viene tagliata via la superfice con un coltello in modo da creare uno schema decorativo a losanghe per poi essere rimessa nel forno con temperature prima elevata e poi moderata., finché la crosta non diventa croccante.