Edizione di domenica 8 20 Dicembre19 | Home - Redazione - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy

Taratura: perché è importante e dev’essere certificata?

taratura

Lo stress dei macchinari, chimici o termici che siano, possono portare ad un invecchiamento degli stessi e fornire, conseguentemente, dei valori di misura variabili nel tempo. Un processo, purtroppo, inevitabile, che può essere rilevato in tempo, però, grazie alla taratura. Tecnicamente, essa  è la procedura che consente di conoscere l’errore dello strumento tarato e quindi l’idoneità all’impiego per la misura dei propri strumenti e apparecchiature o per il controllo dei propri processi.

Taratura, elemento imprescindibile nel processo produttivo

Una rilevazione imprecisa, infatti, può avere effetti catastrofici peggiori di una misurazione non realizzata, in quanto può portare allo sviluppo di prodotti difettosi, che rischiano di esporre l’azienda ad un rilevante danno di immagine accompagnato da un impatto negativo per le casse aziendali, dovute, talvolta, anche allo scarto di alcuni prodotti perfettamente conformi.

La taratura, di conseguenza, svolge un ruolo di fondamentale importanza nel processo produttivo di qualsiasi impresa. Ed affidarsi a laboratori metrologici certificati significa abbracciare una serie di notevoli vantaggi per qualsiasi azienda. Un laboratorio qualificato, oltre che abilitato ad adempiere a tutte le norme vigenti, consente un impatto favorevole per il conto economico, evitando sprechi, rilavorazioni e richiami dei prodotti, oltre al superamento di tutti gli inevitabili step di audit interni ed esterni ai quali sono chiamati a rispondere le aziende.

Un’adeguata manutenzione dei macchinari aziendali, inoltre, consente di rilevare il grado di obsolescenza degli stessi: le deviazioni non sempre possono essere eliminate, ma possono essere facilmente rilevate grazie alla taratura periodica. Aspetto, quest’ultimo, di fondamentale importanza, anche se da molti sottovalutato. Secondo il parere di molti, infatti, è sufficiente approntare la manutenzione sporadicamente, tendenzialmente con cadenza biennale.

Una credenza, però, smentita a livello scientifico. Gli intervalli di taratura vengono definiti in base ad una metodologia basata sul rischio: maggiore è la probabilità che uno strumento si guasti più spesso si dovrà ricorrere alla taratura del macchinario; viceversa, un impatto minimo ridurrebbe i rischi, consentendo di estendere gli intervalli di taratura. Ne consegue che non esiste una frequenza obbligatoria, ma è buona norma che ogni azienda, affidandosi alla supervisione di laboratori metrologici qualificati, individui il periodo manutentivo più consono.

Quali sono le normative alle quali adempiere?

Molti imprenditori ed artigiani si chiedono spesso perché ricorrere alla taratura disponendo di macchinari omologati. Qualora gli aspetti fin qui descritti non fossero sufficienti a comprendere quanto essa sia di fondamentale rilevanza, un altro aspetto ineludibile è quello legale. L’obiettivo dei laboratori metrologici è quello di garantire la correttezza nel commercio e la protezione dei consumatori. Se il macchinario, quindi, viene utilizzato nel commercio o in ambiti che richiedono controllo legale, lo stesso deve essere impostato, verificato e sigillato in conformità alle normative in materia di pesi e misure; in tal senso, esistono norme specifiche alle quali attenersi, come la OIML o l’Handbook 44. Direttive, quest’ultime, che prevedono delle tolleranze piuttosto ampie. E proprio per questo motivo, in grado di aumentare il rischio di sprechi.

Ogni azienda, d’altro canto, applica diverse tolleranze nel processo produttivo, con lo scopo di formare un prodotto finale soddisfacente ed in grado di trovare il positivo riscontro del mercato. Queste tolleranze, spesso, sono più stringenti rispetto a quelle previste dalle citate normative. Effettuare la taratura, di conseguenza, riveste un ruolo di fondamentale importanza, in primis, per la stessa azienda, in quanto migliora il processo di pesata e il e rispetto dei requisiti di metrologia legale.

Affidarsi a laboratori metrologici qualificati, inoltre, consente di effettuare delle tarature certificate, aspetto di prioritaria importanza per qualsiasi azienda. Uno di questi è certamente biltek.it, in grado di emettere relazioni di taratura precise rispetto all’efficienza dello strumento analizzato. E di compiere una taratura corredata da certificazioni di prim’ordine come Accredia, la più importante del settore.